Come ravvivare il disco diamantato

Vi è mai capitato di fare due tagli con il vostro disco diamantato per flessibile e poi gettarlo via? Questo succede al 50% dei casi perché il disco diamantato viene utilizzato per tagli su materiali edili differenti perdendo la sua taglienza. Il restante 50% dei casi avviene semplicemente perché il prodotto è di scarsa qualità.

Perché il disco diamantato perde la sua taglienza?

Sono due i fenomeni che si possono verificare. Il primo fenomeno è causato dalla difficoltà del diamante di fuoriuscire dal suo legante metallico, il secondo fenomeno è causato dall’arrotondamento del diamante stesso. In entrambi i casi l’operatore noterà una difficoltà nella calata durante il taglio e nell’eccessivo sforzo del macchinario utilizzato.

Come si può ravvivare un disco diamantato che non taglia più?

Se l’utensile è intatto e non è danneggiato nella sua anima metallica, è sufficiente utilizzare delle molte abrasive. Basta semplicemente affondare il taglio del disco diamantato in queste mole , o resti di queste, al fine di permettere al diamante stesso di fuoriuscire e/o di “affilarsi”.

Questo lavoro è consigliabile ogni volta che sostituite il materiale che deve essere tagliato, soprattutto nei cantieri edili dove con lo stesso utensile si usa tagliare materiali molti diversi tra loro come cemento, mattoni, granito etc.

Se utilizzi il disco diamantato per una taglierina a banco in maniera prolungata durante la giornata, ti consigliamo di “affilare” la parte diamantata con la mola abrasiva prima e dopo dell’utilizzo.

 

Giacomo Fiorini